Lavoro

Un grande spazio per lo studio, senza prestito bibliotecario

Il Comune ha un patrimonio immobiliare inutilizzato sconcertante.

 

Gli studenti di Cagliari, responsabili di un grosso introito per i commercianti locali, sono costretti a svolgere il loro mestiere, studiare, in condizioni pessime.

Le biblioteche sono sempre quasi tutte piene, e fanno tutte orario d'ufficio (caso scandaloso ed eclatante è la Biblioteca Interfacoltà di via Trentino che chiude anche il sabato), tranne la bellissima eccezione della Sala Lettura di via Dante.

 

Promuovere lo studio vuol dire anche migliorarne le condizioni e renderlo un'attività sociale che permetta agli studenti di svolgerlo con i colleghi (così come accade in quasi tutti i mestieri) in serenità e sentendosi parte attiva di una comunità, non degli scemini che non hanno voglia di fare niente.

 

Sappiamo tutti bene che l'essere soli sul posto (tangibile o metaforico) di lavoro non ha mai aiutato nessuno.

 

Sfruttare spazi inutilizzati, senza i costi della gestione di un patrimonio bibliotecario e del prestito di libri, sarebbe relativamente poco costoso, permettendo al Comune di creare nuovi posti di lavoro ad-hoc per personale addetto solo ed esclusivamente ad una minima sorveglianza sull'osservanza del silenzio, ad esempio.

 

Se realizzato, sarebbe un grande passo in avanti per la crescita di Cagliari.

Tags

Voting

22 votes
22 up votes
0 down votes
Idea No. 513